MONITORAGGIO FOTOVOLTAICO: ecco uno dei nostri report

Il monitoraggio dell’impianto fotovoltaico è una delle attività fondamentali per la massimizzazione del rendimento e per l’ottimizzazione della produzione di energia. Mantenere monitorato costantemente l’impianto è la base per garantire la buona riuscita del rientro nell’investimento iniziale, entro i tempi prestabiliti.

Negli anni diversi studi e ricerche hanno affrontato il tema del monitoraggio della produzione, dimostrando che un sistema fotovoltaico monitorato efficacemente ha una resa maggiore del 5-7% rispetto a un impianto che non ha un sistema di controllo. Per un impianto da 6 kWp questa percentuale corrisponde a un importo di circa 200 €/anno. Tuttavia sono pochi i titolari di fotovoltaico che fanno un monitoraggio periodico del proprio impianto. Questo è dovuto al fatto che un’attenta analisi richiede tempo e competenze tecniche, che portano la maggior parte dei proprietari a rinunciare al monitoraggio.

Per agevolare i clienti che decidono di affidarsi a noi per la realizzazione o per la manutenzione dell’impianto fotovoltaico, abbiamo previsto un servizio gratuito di monitoraggio periodico. Il controllo può essere di tre livelli: trimestrale, semestrale o annuale. Al termine dell’attività mandiamo al cliente un report chiaro e completo con tutte le informazioni salienti.

REPORT SEMESTRALE DI ELEMENT ENERGIA

In questo articolo vogliamo mostrarvi un report semestrale che abbiamo inviato ad un nostro cliente in seguito all’attività di monitoraggio. Il cliente in questione ha deciso di installare con noi un impianto fotovoltaico di 5,85 kWp nel 2019, per dare un taglio netto alle spese connesse al consumo di energia elettrica.  Per scoprire le caratteristiche di questo impianto potete leggere il caso studio dedicato sul nostro sito. Ma ora passiamo subito ad analizzare il report.

PRODUZIONE DELL’IMPIANTO

Nella prima sezione del nostro report il cliente ha evidenza di due grafici, che indicano rispettivamente la produzione di energia stimata e quella reale nel semestre preso in considerazione.

La prima considerazione che possiamo fare è che l’impianto sta andando al massimo delle sue potenzialità; rispetto alla stima preliminare infatti, c’è stata una sovraproduzione di 343 kWh in più. Questo è dovuto anche alle buone condizioni metereologiche dei mesi presi in considerazione.

Entrambi i grafici sono presi dalle piattaforme di Solaredge, la casa produttrice dell’inverter, che offre un sistema di monitoraggio avanzato e preciso. I dati che inseriamo nel report sono facilmente riscontrabili all’interno del portale di monitoraggio, ma sappiamo benissimo che raramente un cliente analizza tutti i suoi dati mese per mese, così lo facciamo noi.

IL RISPARMIO DEL SEMESTRE

La seconda slide è dedicata alle informazioni più importanti che servono per valutare anche i benefici economici derivanti dal funzionamento dell’impianto. I parametri messi in evidenza sono:

  • l’energia prodotta dall’impianto;
  • l’energia consumata dall’utente;
  • l’energia autoconsumata;
  • l’energia acquistata dalla rete elettrica;
  • l’energia immessa nella rete elettrica.

Inoltre vengono inseriti due parametri di risparmio economico: uno legato all’immediato risparmio ottenuto in bolletta e uno relativo al beneficio ottenuto dallo Scambio sul posto del GSE.

 

Partendo da questo grafico abbiamo fatto un importante considerazione insieme al cliente. L’impianto nel complesso funziona bene, ma molta dell’energia prodotta viene immessa in rete invece di essere autoconsumata. Inoltre, la metà dell’energia consumata, viene prelevata dalla rete elettrica nazionale. Anche se c’è una compensazione economica dovuta allo Scambio sul Posto, risulta sempre più vantaggioso utilizzare l’energia gratuita prodotta dai pannelli, piuttosto che prelevarla dalla rete.

La soluzione a questa situazione è quella di aumentare l’autoconsumo. Vi state chiedendo come? Installando un sistema di accumulo dell’energia. Il cliente in questione ha capito il vantaggio e a metà dicembre ha deciso di implementare l’impianto con il sistema di accumulo. I risultati sono stati notevoli! Basta vedere il grafico di seguito riferito al mese di febbraio 2020: il cliente ha acquistato dalla rete solamente il 9% dell’energia consumata, aumentando notevolmente l’autoconsumo.

 

IL CONTRIBUTO DELLO SCAMBIO SUL POSTO

L’ultima sezione è dedicata ai benefici derivanti dallo Scambio sul Posto. Nello specifico vengono messi in evidenza gli importi degli acconti, dei conguagli e dei costi amministrativi applicati dal GSE. All’invio del report chiediamo sempre al cliente di controllare se gli importi sono stati caricati sul conto corrente. Nel caso in cui si dovessero riscontrare dei mancati pagamenti interveniamo per conto del cliente e interagiamo con GSE.

REPORT DI MONITORAGGIO: IL VALORE AGGIUNTO

Il report che inviamo alla fine dell’attività di monitoraggio ha lo scopo di aiutare il cliente a capire come si sta comportando il suo impianto fotovoltaico. Partendo dal report possiamo fornire anche degli utili consigli per cercare di sfruttare appieno le potenzialità del sistema fotovoltaico, o fare eventuali ipotesi per implementare l’impianto con dispositivi che incrementano l’autoconsumo (ad esempio un sistema di accumulo o dispositivi smart energy).

Cliccando sul link che troverai qua sotto potrai visualizzare il report completo che abbiamo analizzato nell’articolo di oggi!

REPORT TRIMESTRALE (Clicca Qua per vedere il report)

CONTATTACI PER QUALSIASI INFORMAZIONE